DICEMBRE 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Ultime news
Sono aperte le iscrizioni ai Corsi Base di Tiro con l'Arco presso la palestra scuole Grosso - I corsi inizierano il 06/10/2017 - 23 Settembre 2015

Per la seconda di campionato FITAST erano 9 gli arcieri di Arcus Intendere che decidevano di partecipare. La Festa dei Folli, che si disputava in quel di Corinaldo, pareva l’occasione propizia per non destar sospetti della nostra pazzia e mescolarsi senza pudore alcuno alla gente festante.
La partenza avveniva all’alba dal parcheggio del centro Meraville dove, alle 6,00 in punto, ci aspettava Danilo con il furgone 9 posti noleggiato per l’occasione. Solo un rapido trasbordo dell’attrezzatura dalle auto e l’avventura poteva cominciare.
Addobbato con due grandi cartelli su cui campeggiava il nostro Logo, il mezzo si muoveva veloce sull’autostrada semideserta macinando rapidamente chilometri d’asfalto.
La sonnolenza tardava a farsi largo nelle menti ancora ben piantate tra le lenzuola, sebbene la voglia di una sosta per ingurgitare un caffè ristoratore tenesse inaspettatamente alta l’attenzione del gruppo.

Il fedele TomTom campeggiava sovrano sul cruscotto, dettando con autorevolezza i tempi del viaggio. Il rispetto preciso della tabella prevista permetteva quindi l’agognata sosta: caffè, cornetto, cappuccini …e sigaretta… davano maggior slancio al gruppo che, da quel momento in poi, viveva il viaggio con maggiore entusiasmo e goliardia.
Il paese di Corinaldo, posto a pochi chilometri dall’uscita autostradale, ci attendeva già colmo di movimento. Sebbene fossimo in anticipo sui tempi di chiamata piazzole, un gran numero di arcieri già si muoveva verso il punto di ritrovo, quasi impazienti.
Il gruppo di Arcus Intendere non era da meno, allestiva il primo fugace cambio d’abito della giornata, sparpagliando per l’occasione borse, scarpe, archi e faretre tutt’attorno al grande mezzo che ci aveva accompagnato. “Cerimonia” che si concludeva in pochi minuti, giusto il tempo per rendersi presentabili, adattarsi al contesto, al fine di non incorrere in sgradevoli richiami.
Un ultimo caffè al “Bar-collo” ed il gruppo si lanciava nella gara, iniziata per una volta all’orario previsto.
Gara che risultava piacevole, ben disposta lungo un percorso di saliscendi tipico di questo paese Marchigiano, dominato da una grande scalinata che conduce al bellissimo centro storico. I bersagli risultavano complicati da interpretare, vuoi per la forma e la posizione degli spot non proprio agevole, vuoi per il colore dei ferri di contorno che, spesso, non risultavano adeguatamente in contrasto con il bersaglio retrostante.
Nonostante ciò la gara scorreva liscia, senza particolari problemi, sebbene assai lenta in ragione della grande quantità di arcieri iscritti. I più di 300 partecipanti infatti, risultavano assai laboriosi nel completamento di ogni bersaglio, causando un prevedibile aumento dei tempi complessivi di gara.
La competizione si prolungava perciò fino alle ore 15,40 circa, orario in cui si affollava inevitabilmente lo stand predisposto per la consumazione del pasto.
Nonostante il grande impegno profuso dal personale addetto, occorreva un’ora abbondante per sedare alla bisogna l’appetito dei commensali, operazione per la quale gli addetti si avvalevano di polenta condita, carne alla griglia, patate fritte e piadine… una roba dietetica insomma!!
Ma, solo dopo le prime forchettate ristoratrici, il pranzo diveniva l’ultimo dei pensieri degli arcieri nostrani, impegnati a torturare gli schermi tattili degli incolpevoli telefonini per ottenere in anteprima i dettagli delle classifiche che andavano delineandosi lentamente.
L’andamento della gara, assai altalenante per tutti, non dava infatti grandi punti di riferimento. L’unica certezza era che il risultato finale di tutto il nostro gruppo risultava in generale leggermente al di sotto della media solitamente ottenuta in gare FITAST.
A sciogliere i dubbi residui contribuivano però i primi risultati caricati: il confronto con gli arcieri più noti ci confermava immediatamente il buon esito generale della nostra gara, con l’acuto assordante di Ruxiang e Chiara, che coglievano, rispettivamente, la prima e la seconda posizione di categoria. Un vero trionfo per entrambe: una grandissima emozione per Ruxiang che confermava la propria abilità e coglieva così la sua prima medaglia FITAST, ed una piacevolissima conferma per Chiara che, a questo punto, si trova in buona compagnia in veste di pretendente ufficiale al trono di regina del campionato.
Arcus Intendere coglieva infine un 5° posto assoluto di squadra che, tenuto conto della blasonata e numerosa concorrenza rappresenta comunque un fantastico risultato. Un risultato che è soprattutto frutto del grande affiatamento del Gruppo a cui, anche quest’anno, si sono uniti nuovi Amici che ne hanno rafforzato le file, Un Gruppo, quello di Arcus Intendere, che lavorerà duro per crescere ancora e che, ne siamo certi, proprio per questo sarà in grado di cogliere risultati sempre più grandi ed esaltanti.
Si concludeva con un viaggio festoso, ma tranquillo, la lunga giornata dei 9 arcieri che giungevano alle loro abitazioni in tarda serata, certamente stanchi ma appagati.

Un appagamento che può durare lo spazio di qualche giorno, appena il tempo necessario per iscrivere tutti alla prossima gara FITAST di Grottazzolina….appuntamento della prossima domenica di gare. E, come al solito, buone frecce a tutti!!!
Robby