DICEMBRE 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31


Dopo le ultime due gare di stagione: l'inconsueta competizione a squadre organizzata dagli arcieri di Soliera (Banditi della Noceta Foresta) e la finalissima FITAST di domenica scorsa a Camerino (MC), è giunto anche quest'anno il momento di tirare le somme.
Un anno certamente intenso di emozioni e soddisfazioni, dove l'Associazione è cresciuta, non nel numero ma certamente nell'esperienza, affrontando nuove sfide e dimostrando che la passione e la buona volontà possono essere strumenti formidabili, capaci di risolvere ogni problema.
Una stagione, quella appena trascorsa, iniziata con l'inaspettato quanto gradito affidamento da parte di UISP dello stand di tiro con l'arco alla grande Festa dell'Unità di Bologna, stagione poi terminata - esattamente un anno dopo - con lo svolgimento della prima gara FITAST organizzata da Arcus Intendere di cui abbiamo già avuto modo di raccontarvi con malcelato orgoglio su queste pagine.
Un vero peccato invece dover qui riscontrare la volontaria fuoriuscita di due dei nostri Soci, che dopo un annata di frequentazioni molto saltuarie, hanno infine scelto di seguire altre passioni. Ci dispiace perderli anche se, ne siamo certi, avremo altre occasioni per ritrovarli nel mai smarrito ruolo di amici.
La nuova stagione si è però aperta con l'ingresso di un nuovo Socio, cresciuto tra noi durante la scorsa stagione di corsi, insieme a tanti altri amici ed amiche che, consolidando la loro presenza nel gruppo anche quest'anno, ci offrono motivo di grande orgoglio ed indubbio sprone per fare sempre meglio.
Fantastici poi i risultati ottenuti con la promozione, alla Festa dell'Unità 2016, dei nostri corsi per principianti, che hanno raccolto grande favore tra i visitatori. Con nostra grande soddisfazione, la palestra si è riempita fin dai primi giorni di tanti nuovi appassionati, desiderosi di imparare in fretta e di mettersi in gioco. La passione per il tiro con l'arco, ancora una volta, si è dimostrata contagiosa e noi, da untori impuniti ed impenitenti, non perderemo certamente occasione per approfittarne.
Un bilancio più che positivo quindi, che ci spinge verso nuovi obiettivi, ancora più sfidanti, convinti - come siamo - che i risultati ottenuti non siano da accreditarsi al caso.
Occorre dunque proseguire sulla strada tracciata, consolidando le conoscenze raccolte e sviluppandone di nuove, con l'unico - statutario- obiettivo di far crescere il nostro progetto, costruendo basi solide per garantirgli un futuro di soddisfazione.
Siamo più che certi che la nuova stagione sportiva ci consegnerà più di una soddisfazione, insieme a tanti nuovi amici con cui condividere la nostra grande passione.
Appuntamento dunque su queste pagine, per la puntuale cronaca degli eventi arcieristici e conviviali che Arcus Intendere deciderà di frequentare ed organizzare.
Buone Frecce a tutti!!!

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Terremoto CamerinoSolo al termine della stesura di questo articolo è giunta come un macigno la notizia dell'ennesimo sciame sismico in centro Italia. I diversi crolli, collocati in un'area piuttosto vasta, coinvolgono tanti paesi noti ed apprezzati da tutti gli amici arcieri.
Le tragiche notizie che arrivano da Fabriano, Visso, San Ginesio... e, in particolare, la devastazione in diretta TV di Camerino, cittadina Marchigiana piacevolissima, e sede della finale FITAST a cui abbiamo partecipato solo pochi giorni fa, ci ha stretto un nodo in gola.
Rivedere, a distanza di poche ore, i bellissimi luoghi che ci hanno accolto in allegria, ridotti ad un cumulo di macerie induce brutti pensieri... e crea indubbia tristezza.
L'unico sollievo, se confermato quel che appare ora sulle Agenzie di stampa, è l'assenza di vittime accertate ed un limitatissimo numero di feriti, fortunatamente non gravi.
Sebbene la perdita dell'inestimabile patrimonio artistico lascerà una cicatrice profonda nei luoghi e nelle tradizioni dei paesi così duramente colpiti, siamo assolutamente certi che, con il necessario quanto auspicato supporto di tutta la Nazione, le operose popolazioni locali sapranno risollevarsi in fretta, per ricominciare a vivere la normalità.
Da parte nostra esprimiamo la nostra vicinanza a tutte le persone coinvolte da questo tragico evento, disponibili a prestare il nostro aiuto laddove si rivelasse utile.
Da Bologna quindi ...un abbraccio forte a tutti.